<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Lavoro nel pubblico e trasformazione digitale: 4 nuovi progetti

    digitalizzazione timer 4 min.
    Alessandra Belotti
    Scarica la scheda:  Come si avvia un sistema di gestione basato sui processi?

    La trasformazione digitale si aggiunge alle azioni di recupero, trasformazione e resilienza dell'economia dopo il contesto derivante dalla pandemia da Covid-19. Come si rifletterà nel pubblico impiego?

    Ne parliamo in questo articolo, dove tratteremo in primo luogo del piano di digitalizzazione della pubblica amministrazione.

    Approfondiremo le motivazioni che hanno spinto alle decisioni relative ai nuovi processi di digitalizzazione.

    Concluderemo con la spiegazione dei progetti che riguardano il lavoro nel pubblico e, più in generale, la digitalizzazione delle amministrazioni statali e pubbliche.

    heloo hoe

    Covid-19 e digitalizzazione

    In un contesto di crisi causato dalla pandemia da Covid-19, l'approccio verso la digitalizzazione dei processi è quello che meglio si adatta alle esigenze degli utenti che svolgono procedure amministrative nella pubblica amministrazione e, di conseguenza, dovrebbe riflettersi nel lavoro svolto dai dipendenti pubblici e nel miglioramento dei servizi pubblici offerti ai cittadini, alle cittadine e alle imprese in tutti i settori legati al lavoro. 

    Il Piano di digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni 2020-2022, prevede un impatto sull'automazione dei processi, con una maggiore attenzione alla personalizzazione dei servizi e all'esperienza dell'utente. Uno dei principali obiettivi è quello di migliorare l'efficacia e l'efficienza della pubblica amministrazione, in termini di trasparenza ed eliminazione degli ostacoli amministrativi.

    Lo strumento scelto per raggiungere questo obiettivo è proprio quello della trasformazione digitale, in linea con progetti analoghi già avviati negli anni precedenti. 

    Perché digitalizzare il lavoro nel pubblico?

    La trasformazione digitale nel pubblico impiego mira a rispondere alle richieste di sostenibilità ambientale che favoriscono la riduzione dell'impatto energetico. Inoltre, una serie di misure sono in corso di attuazione per fornire all'Amministrazione Generale dello Stato le infrastrutture tecnologiche flessibili necessarie per questo adattamento digitale.

    Il percorso verso la trasformazione digitale del pubblico impiego implica l’utilizzo dei seguenti principi guida:

    • Rendere disponibili in versione digitale tutti i servizi, con modalità di accesso digitali che prevedano almeno l’identificazione tramite SPID
    • Migliorare l’accessibilità ai documenti e agli strumenti necessari per il lavoro nel pubblico, tramite l’adozione del cloud first, cioè dell’utilizzo dei salvataggio dei dati in cloud come prima opzione, in modo da rendere possibile la piena operatività anche in caso di impossibilità di accesso agli uffici
    • Servizi accessibili a ogni tipologia di utenza
    • Sicurezza e privacy, sia nei confronti del cittadino sia per quanto riguarda più nel complesso la gestione dei dati relativi al lavoro delle pubbliche amministrazioni

    Tutti questi principi non possono che essere concepiti come un progetto unico, fondamentale per migliorare la gestione e lo scambio trasparente dei dati, i servizi di infrastruttura cloud, i luoghi di lavoro intelligenti e la cybersecurity.

    lavoro nel pubblico

    I progetti di digitalizzazione

    Entriamo più nel dettaglio nel programma di digitalizzazione dei processi che riguardano il lavoro nel pubblico.

    1. Fatturazione elettronica

    L'innovazione del sistema di fatturazione prevista sia per il settore privato sia per quello pubblico, è presente all'interno del Piano di digitalizzazione della pubblica amministrazione con la sezione relativa all’implementazione del servizio di fatturazione elettronica

    Anche chi svolge un lavoro nel pubblico è entrato da tempo in confidenza con questo sistema di fatturazione, che tuttavia continua ad essere tra gli obiettivi del progetto, con l’adozione di sistemi sempre più rapidi di invio dei dati e di utilizzo degli stessi da parte dell’amministrazione pubblica.

    A questo scopo è stato istituito un tavolo tecnico permanente, con lo scopo di monitorare i dati relativi alle fatture elettroniche ed implementare continuamente i relativi processi di gestione. 

    2. Servizi pubblici digitali per l'impiego

    Con lo stesso obiettivo di raggiungere l'efficienza dell'amministrazione nelle procedure fornite ai cittadini e alle imprese, la digitalizzazione dei processi nei servizi pubblici per l'impiego è fondamentale. 

    In questo progetto, importante è l’adozione massiva dell’identità digitale SPID, utilizzabile per accedere ai servizi della pubblica amministrazione, compresi quelli che riguardano l’erogazione dei servizi per l’impiego e per la tutela dei lavoratori, come ad esempio i sussidi di disoccupazione erogati dall’INPS.

    3. Studio e gestione delle basi dati di interesse nazionale

    Nel campo dell'occupazione, i servizi saranno sviluppati per permettere una gestione dei dati e un processo decisionale più efficiente e appropriato, così come la pubblicazione di informazioni ad alto valore aggiunto per la società.

    La digitalizzazione del lavoro nel pubblico ha come obiettivo quello di unificare i database di interesse nazionale, consentendo quindi uno scambio di dati più agevole tra diverse amministrazioni e, di conseguenza, una maggiore semplicità nel lavoro degli addetti pubblici come, non ultimo, nell’accesso ai servizi da parte del cittadino.

    Il processo di trasformazione digitale deve inoltre andare di pari passo con lo studio e l'analisi dei dati per sfruttare le informazioni che si presentano nel contesto attuale. D’altra parte, l’importanza dei dati per diventare un valore commerciale per le aziende e per migliorare l'efficienza dei servizi pubblici per i cittadini è nota da tempo.

    4. Lotta contro le frodi e sicurezza dei dati

    La questione della sicurezza informatica e della protezione dei dati trattati dalla pubblica amministrazione è uno dei punti chiave nei progetti di trasformazione digitale dell'amministrazione e nel miglioramento dei servizi pubblici offerti ai cittadini e alle imprese in tutti i settori legati all'occupazione e ai servizi in generale. 

    In particolare, le amministrazioni pubbliche italiane devono sottostare a sistemi antifrode, a partire dalle misure minime di sicurezza ICT. 


    Quelli descritti sono i principali progetti di digitalizzazione che interessano il lavoro nel pubblico; tuttavia l’AGID, l’Agenzia per l’Italia in Digitale, si propone di migliorare ed implementare tutti i sistemi di digitalizzazione che possano apportare miglioramenti al lavoro nel pubblico e, di conseguenza, alla relazione tra pubblica amministrazione e cittadini.IT-CTA-solicita-demo

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità