<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Vaccino Covid-19: determinante per la ripresa dei viaggi d’affari

    viaggi d'affari timer 2 min.
    Myriam Zanatta
    get_app  Scarica il documento sulla Riconciliazione bancaria

    Secondo uno studio della Global Business Travel Association (GBTA) in tutto il mondo, il 59% degli intervistati afferma che il vaccino potrebbe essere il catalizzatore per la ripresa del settore dei viaggi d'affari.

    L'indagine, condotta dal GBTA tra il 7 e il 14 dicembre 2020 con un totale di 760 risposte, era volta a fare luce sullo stato di salute del settore dei viaggi d'affari dopo l'impatto determinante del COVID-19. In effetti, questo è il quarto sondaggio nel suo genere condotto dalla Global Business Travel Association dall'inizio della pandemia.

    Nuevo llamado a la acción

    Una delle conclusioni più devastanti del sondaggio, trasformata in un rapporto, è che la spesa per i viaggi d'affari è diminuita del 46% nel 2020 rispetto al 2019. Le aziende, e di conseguenza i propri lavoratori, hanno preferito spostarsi solo in casi strettamente necessari, prediligendo la modalità di videoconferenza e gestione degli affari da remoto. Il rapporto evidenzia che i viaggi d'affari sono in uno stato di semi paralisi. Infatti, l'89% delle aziende intervistate ha sospeso la maggior parte (39%) o la totalità (50%) dei viaggi internazionali. Per regione e globalmente, i viaggi d'affari in Cina (93%), America Latina (89%), Canada (87%), Estremo Oriente (91%), Stati Uniti (76%) ed Europa sono stati totalmente o parzialmente cancellati . (88%). I viaggi familiari sono complessivamente in calo del 71%.

    A fine 2020, invece, secondo le risposte degli intervistati, si è rilevato un lieve miglioramento della disponibilità delle aziende a recarsi verso destinazioni nazionali, con una percentuale del 24%, due punti in più rispetto alla precedente indagine. Nel caso dell'internazionale, la proporzione non è cambiata ed è rimasta al 6%. Sembra che lo spirito dei dipendenti sia più fiducioso, visto che il 53% è disposto (47%) o molto disponibile (6%) a viaggiare per viaggi professionali.

    informe business travel GBTA, vaccino covid viaggi aziendali

    Leggera ripresa del settore nel 2021

    L'estensione del vaccino sarà determinante per la ripresa dei viaggi di lavoro, come sottolineato dal 59% degli intervistati.

    Per tipologia, il budget per il programma di viaggio delle aziende durante questo 2021 sarà destinato principalmente agli spostamenti degli account manager per incontri con clienti abituali o per trovarne di nuovi (30%), viaggi per svolgere servizi (20%), riunioni interne (15%), convegni, fiere ed eventi (13%), formazione (8%) o incontri con fornitori (6%).

    Il desiderio di ritornare a viaggiare

    Una ricerca realizzata da Booking.com condotta su oltre 28.000 viaggiatori in 28 paesi conferma che il 66% dei viaggiatori globali e  il 72% degli italiani pensano che potranno avere più possibilità di viaggiare nel 2021 proprio grazie alle vaccinazioni. Inoltre, il 55% dei viaggiatori mondiali e il 58% degli italiani si concederà un viaggio (lavorativo o non) solamente in quei luoghi che hanno già avviato un piano vaccinale.

    Pertanto, in conclusione, nel 2021 il desiderio del settore imprenditoriale è quello di poter recuperare senza dubbio la mobilità essenziale dei propri lavoratori.

    New call-to-action

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità