<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Trasferta Italia e trasferta estero: quali sono le differenze?

    trasferte aziendali timer 2 min.
    Captio

    Raggiungere un cliente che ha l’ufficio in un’altra città, lavorare temporaneamente nella sede estera della propria azienda, prendere un volo per raggiungere un convegno di settore: i motivi per cui un dipendente è chiamato a lavorare in una città diversa rispetto a quella abituale sono più di uno.

    Scarica l'ebook La gestione delle spese di viaggio aziendali


     

    Che cos’è, esattamente, una trasferta?

    Con trasferta si intende il trasferimento e il soggiorno temporaneo del lavoratore verso una località diversa da quella usuale. Si tratta quindi di un mutamento temporaneo del luogo di esecuzione della prestazione.

    I costi sostenuti dal dipendente durante il periodo di trasferta devono essere rimborsati dall’azienda, che può scegliere tra diverse modalità: indennità di trasferta, rimborso a piè di lista e rimborso ibrido.  

    Ma che differenza c’è, anche da un punto di vista fiscale, tra trasferte in Italia e trasferte all’estero?

     

    Trasferte in Italia e trasferte all'estero

     

    Trasferte in Italia e trasferte all’estero: ecco le differenze

    Importi

    La prima, sostanziale differenza riguarda gli importi. Le indennità di trasferta sono calcolate in base al CCNL: più la durata della trasferta è lunga, più i contratti collettivi nazionali prevedono somme maggiori.

    Per questo le aziende tendono a organizzare le trasferte estere dei lavoratori in modo da condensare più attività possibili. Ottimizzare tempi e produttività sono quindi le chiavi per trasferte all’estero redditizie.

     

    Trattamento fiscale

    Un’altra differenza riguarda il trattamento fiscale. La destinazione verso la quale verrà inviato il dipendente ha conseguenze sulle tasse e i contributi che l’azienda deve versare. Nel caso venga erogata l’indennità di trasferta, la parte eccedente la somma stabilita da contratto nazionale di riferimento è soggetta a contributi e tasse:

    • Per la parte che eccede euro 46,48 al giorno in caso di trasferte nel territorio nazionale, al netto delle spese di viaggio e trasporto;

    • Per la parte che eccede euro 77,47 al giorno in caso di trasferte all’estero, al netto delle spese di viaggio e trasporto.

     

    Nel caso di rimborso a piè di lista, il rimborso delle spese di viaggio, trasporto, vitto e alloggio (debitamente documentate) fuori dal territorio comunale non è imponibile. Per le altre spese, anche non documentabili (come mance e parcheggi) la parte che eccede euro 15,49 al giorno in Italia ed euro 25,82 per l’estero è tassabile e soggetta a contributi.


    Nuevo llamado a la acción



     

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità