<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Blog

New Call-to-action

Tra cultura, multiculturalità e interculturalismo: il cross cultural

Pubblicato da Captio su 30/08/2018

I progetti aziendali che prevedono lo spostamento dei dipendenti in paesi stranieri (dipendenti espatriati) possono apportare enormi benefici. All’azienda, certo, ma anche al lavoratore. Il processo di internazionalizzazione permette all’azienda di espandere la propria quota di mercato, crescere e aumentare la redditività; i dipendenti, invece, ne guadagnano in esperienza e in conoscenza, e hanno l’opportunità di migliorare la propria condizione economica.

A volte può esserci una specie di “shock culturale”, quando l’espatrio avviene in paesi con cultura, abitudini e stili di vita molto lontani da quelli di appartenenza. Ma, se gestito adeguatamente, l’espatrio non ha motivo di essere un’esperienza negativa. Al contrario, può trasformarsi in un processo costruttivo e proficuo.

Le aziende sono sempre più globali. Ed è per questo motivo che i processi di espatrio dei dipendenti sono più frequenti rispetto al passato. Per affrontare con successo questo fenomeno, è essenziale che i manager conoscano e assimilino i concetti di cultura, multiculturalismo e interculturalismo.

La cultura, la multiculturalità e l’interculturalismo: il cross cultural

Cultura, multiculturalismo e interculturalismo


Tradizionalmente, la cultura è stata compresa e studiata come una questione unicamente nazionale. È da questa concezione - ormai superata - che sono nati i luoghi comuni, gli stereotipi e le generalizzazioni che tutti ben conosciamo: “i tedeschi sono rigidi”, “gli spagnoli sono disorganizzati”, “gli italiani sono rumorosi”, “i francesi sono antipatici” e chi più ne ha più ne metta.

Questo approccio esclusivamente "nazionale” della cultura è un concetto parziale, incompleto e statico, poiché presuppone che in base alle nostre origini assumiamo determinate caratteristiche che non possiamo cambiare.

Tuttavia, nella sua accezione più globale e completa, la cultura è l’insieme delle caratteristiche che distinguono le diverse persone in modo individuale. Queste caratteristiche non sono legate unicamente al paese in cui uno nasce o cresce, ma si configurano a partire da una serie di fattori eterogenei che vanno dai tratti della propria personalità alla famiglia, alla religione, agli amici, all’educazione, alla professione e così via.

Inoltre è necessario distinguere tra multiculturalità e interculturalismo. La multiculturalità fa riferimento a una situazione di convivenza tra differenti culture, senza che queste entrino necessariamente in contatto con loro. Al contrario, l’interculturalismo fa riferimento a come le diverse culture si relazionano tra loro, apprezzando le differenze e cercando forme di comunicazione fluide e senza imposizioni, che spessa portano a un cambiamento e a un arricchimento degli individui.

Un esempio di multiculturalità possono essere i Giochi Olimpici, dove competono molte nazionalità senza che però venga fatta alcun tipo di distinzione che vada oltre la competizione stessa. Le istituzioni dell'Unione Europea, invece, rappresentano un magnifico esempio di multiculturalismo: i rappresentanti delle diverse nazionalità interagiscono e cooperano insieme in funzione di un obiettivo comune.

Il cross cultural

Il cross cultural è un concetto che si riferisce a una visione panoramica e globale della cultura, che mira a cercare l’armonia nelle relazioni interculturali esplorando il modo di sfruttare le differenti caratteristiche culturali per unire le forze, allo scopo di raggiungere mete concrete. In un’azienda cross culturale, persone di diversa nazionalità conoscono, accettano e rispettano le culture con cui vivono, e interagiscono di conseguenza.

Molti progetti internazionali o di espatrio falliscono o non arrivano a sviluppare tutto il loro potenziale proprio per non avere preso in considerazione il cross cultural. In altre parole: non vengono elaborate strategie di adattamento culturale che permettano di affrontare i problemi originati dagli scontri culturali, imparare a fondere talenti tra persone con origini molto differenti e, in definitiva, gestire competenze diverse. In un contesto sempre più internazionale, sempre più globale.

Demo2

Categoria: cross cultural