<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Strategie di controllo per conto economico, utili e perdite

    Controllo finanziario timer 7 min.
    Myriam Zanatta
    SCARICA L'EBOOK: Agilità nella gestione delle spese 

    Il conto economico di una società riassume le operazioni derivate dalle sue attività economiche durante un determinato periodo. Questo bilancio include tutti i ricavi generati dall'azienda e anche le spese che ha sostenuto per mostrare in ultimo luogo il risultato, che può svelarsi inutile, o perdite.

    Entrate meno le spese è uguale al risultato. Il conto economico è la cifra risultante sottraendo la somma delle spese dalla somma delle entrate. Tale bilancio è una sintesi delle variazioni di capitale e patrimoniali avvenute in un determinato periodo derivanti dall'attività commerciale. Pertanto, esso mostra in modo chiaro e definito se gli obiettivi definiti dall'azienda in relazione agli utili o alle perdite sono stati raggiunti.

    Per questo motivo il controllo del conto economico è fondamentale per poter intraprendere azioni di rinforzo o correttive. Questo monitoraggio servirà anche come strumento per formulare la politica economica e finanziaria dell'azienda.

    New Call-to-action

    Strategie di controllo

    Esistono diversi metodi per verificare che gli utili o le perdite rientrino nei parametri stabiliti. In generale, vengono lanciati all'inizio dell'anno fiscale, nelle strategie generali della società, azienda o impresa:

    • Studio e confronto delle vendite (reddito), costi, spese e profitti dell'azienda.
    • Conduzione di inventari, sia periodici che permanenti, stabilendo sistemi per la loro amministrazione.
    • Controllo delle scorte.
    • Analisi delle voci che hanno dato origine ad alcune entrate e uscite.
    • Determinazione delle spese operative e funzionali.
      Segmentazione degli utili e delle perdite per dipartimenti e aree.
    • Calcolo della redditività lorda. Normalmente come indice di riferimento viene utilizzata una percentuale delle vendite, che indica la redditività lorda con cui l'azienda opera nella vendita dei propri prodotti.
    • Calcolo della redditività netta. In questo caso, dai benefici vengono detratti i costi indiretti: costi di amministrazione, pubblicità e marketing e investimenti.

    Il calcolo dell'EBITDA

    Negli ultimi anni l'indicatore finanziario noto come EBITDA (dal suo acronimo in inglese Earning Before Interest, Taxes, Depreciation and Amortization, cioè utile prima di interessi, imposte, ammortamenti -accantonamenti- e svalutazioni) si è consolidato come uno dei più utilizzati per misurare e controllare la redditività operativa dell'azienda. L'EBITDA rappresenta il risultato delll'azienda al lordo di interessi (onere finanziario), imposte, ammortamenti e svalutazioni.

    La formula per calcolarlo è: Risultato Operativo (EBIT) + Accantonamenti + Ammortamenti.

    Dal risultato vengono sottratte le spese operative (costo del personale, affitti, acquisti, energia elettrica, pubblicità…) e le spese non operative (incendi, multe, rinnovo attrezzature…).

    L'EBITDA ha il vantaggio di influenzare la struttura finanziaria, il contesto fiscale (attraverso le tasse) e le spese "fittizie" (ammortamenti). In questo modo, consente di ottenere un'idea chiara dell'andamento operativo delle aziende, sia a livello globale che per società controllate, aree o dipartimenti.

    È una grandezza contabile molto utile, ma non dovrebbe essere l'unico valore utilizzato per misurare la redditività della tua azienda, soprattutto se hai un debito elevato. Inoltre, i principi contabili internazionali non lo riconoscono.

    controllo per conto economico

    Come si contabilizza il conto economico?

    Tra i principali obiettivi della redazione del conto economico c'è, come abbiamo visto, determinare qual è la redditività dell'azienda, quali asset sono posseduti e come sono stati raggiunti. A ciò si deve aggiungere la possibilità di poter sapere quanto si ottiene per ogni euro investito nelle diverse parti del processo, dove si consumano più risorse e/o se è possibile ridurre i costi. È utile anche definire la distribuzione dei dividendi.

    Normalmente il conto economico è calcolato annualmente, ma la sua periodicità è flessibile, per questo vengono presi in considerazione due tipi di risultati: operativo e finanziario. Il primo si riferisce alla gestione ordinaria e, quindi, comprende tutti i proventi e gli oneri che l'impresa ha generato in un determinato periodo di tempo. Il bilancio, dal canto suo, si concentra sulle operazioni di finanziamento.

    Se durante quel periodo il reddito netto supera le spese, la tua azienda avrà ottenuto utili (saldo positivo). Quando accade il contrario, significa che stai entrando in perdita (saldo negativo). Siamo, quindi, davanti a uno dei dati finanziari più importanti per le aziende.

    La formula per calcolare il risultato netto sarebbe la seguente:

    Risultato operativo netto (reddito da attività meno sconti e bonus) - Risultato lordo (costo del venduto o dei servizi resi) - Risultato della gestione ordinaria (spese di vendita meno spese amministrative) + Proventi finanziari - Oneri finanziari + Proventi Oneri straordinari - Oneri straordinari + Proventi anni precedenti - Oneri anni precedenti - Imposte sul reddito = Risultato netto

    Per poter fare un conto di utili e perdite in modo rapido e corretto, è meglio disporre di tutte le cifre in ordine. In questo modo dovrai solo aggiungere gli importi e regolarli sul conto corrispondente.

    Prendiamo l'esempio di un'azienda che ha ottenuto 1.000.000 di euro da vendite e ricavi, di cui 800.000 per vendite e prestazioni di servizi e altri 200.000 per servizi vari. Per quanto riguarda le spese, queste sono ammontate a 150.000 euro, di cui 100.000 per spese di personale e 50.000 in più per servizi esterni. Ebbene, con questi dati il risultato operativo sarebbe un saldo positivo di 850.000 euro. La registrazione contabile sarebbe questa semplice:

    Conto Contabile

    Nome del conto contabile

    Base

    7

    Vendite e entrate

    1.000.000

    70

    Vendite

    800.000

    705

    Prestazione di servizi

    800.000

    759

    altri ricavi e proventi di gestione

    200.000

    6

    costi della produzione

    150.000

    62

    costi per servizi esterni

    50.000

    64

    Costi del personale

    100.000

     

    Risultato

    850.000




    Per calcolare il conto economico, è necessario registrare le spese e le entrate nel momento in cui si verificano, anche se non è stato ancora effettuato alcun pagamento. Il software di gestione delle spese dell'azienda può essere un ottimo alleato per aiutarti in questo compito.

    IT-CTA-solicita-demo

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità