<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Il rimborso spese per i dipendenti e per gli amministratori: le diverse tipologie

    Captio

    Nel caso in cui un lavoratore debba svolgere le proprie mansioni lavorative in una sede di lavoro diversa da quella abituale (deve, cioè, effettuare una trasferta) ha diritto a un rimborso spese erogato dall’azienda. Tale rimborso può avvenire secondo diverse modalità.

    Scarica l'ebook La gestione delle spese di viaggio aziendali

    Ecco quali sono le diverse tipologie di rimborso spese ai dipendenti.

    Rimborso spese dipendenti: i tipi principali

     

    Rimborso spese forfettario

    Il rimborso forfettario è un compenso erogato indipendentemente dalla spesa effettivamente sostenuta, e il suo importo è solitamente stabilito dai contratti collettivi.

    Secondo l’art. 51 comma 5 del D.P.R. n. 917/1986, tali indennità non concorrono alla formazione del reddito del lavoratore fino all’importo di:

    • 46,48 euro al giorno per le trasferte fuori del territorio comunale ma effettuate in Italia;

    • 77,46 euro al giorno per le trasferte all’estero.

     Gli importi previsti sono giornalieri, indipendentemente dalla durata effettiva della trasferta (che può quindi durare anche meno di 24 ore), e sono relativi alle spese di vitto e alloggio. Pertanto, esse non devono essere documentate.

    Captio - HR-rimborso-blogpost detail-1

    Rimborso spese a piè di lista o analitico

     

    Per ottenere il rimborso spese a piè di lista o analitico il lavoratore deve presentare una nota spese:

    La nota spese è un elenco delle spese sostenute da un dipendente, rimborsate dall’azienda in base ai giustificativi di vitto, alloggio, viaggio e trasporto.

    l rimborso a piè di lista riguarda principalmente queste voci:

    • vitto e alloggio;

    • viaggio e trasporto. Rimborso delle spese sostenute per l’uso della propria auto (rimborso chilometrico, pedaggi, etc) o di quella noleggiata, oppure acquisto di biglietti (aerei, ferroviari…);

    • altro: il lavoratore può presentare la documentazione inerente altre tipologie di spesa sostenute durante la trasferta, l’importante è che siano conformi alla politica delle spese di viaggio.

     

    Rimborso spese misto

    La terza tipologia, il rimborso misto, è una soluzione intermedia tra il sistema di rimborso a piè di lista o analitico e il rimborso forfettario. Prevede infatti che venga corrisposta anche un’indennità di trasferta oltre al rimborso analitico delle spese di vitto e alloggio.

    Rimborso spese amministratori: trattamento fiscale

     

    Nel caso del rimborso spese (forfettario, analitico o misto) dovuto agli amministratori di una società, da un punto di vista fiscale ci possono essere due casistiche:

    - l’amministratore svolge anche un’attività di lavoro professionale (come il dottore commercialista) connessa all’attività dell’impresa. In questo caso, quando l’amministratore esercita anche un’attività di lavoro autonomo, il trattamento fiscale del rimborso spese è quello proprio dei redditi di lavoro autonomo.

    - l’amministratore è un lavoratore dipendente o parasubodinato della società. In questo secondo caso, invece, ai rimborsi spese si applicano le regole proprie del reddito di lavoro dipendente.

     

    Nuevo llamado a la acción

    Potrebbe interessarti...

    rimborso spese, spese di viaggio

    Deducir el IVA: tipos de facturas

    Captio timer 2 min.
    rimborso spese, spese di viaggio

    Introducción a las dietas y kilometraje: algunas definiciones básicas

    Dan Moser timer 2 min.
    rimborso spese, spese di viaggio

    Clasificar conceptos de las hojas de gasto

    Dan Moser timer 2 min.

    Scrivi un commento

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità