<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Rimborso benzina: chi può richiederlo e come calcolarlo?

    rimborso chilometrico timer 3 min.
    Alessandra Belotti
    Scarica l'ebook La gestione delle spese di viaggio aziendali

    A chi spetta il rimborso benzina? E in quali casi? Come vengono ripartiti i costi del viaggio nel caso in cui l’auto sia di proprietà dell’azienda? E se è invece del dipendente? 

    Tante sono le domande che girano intorno alla questione rimborso benzina e proprio a queste diamo risposta in questo nostro approfondimento sul tema. 

    CAP-IT - kilometraje 2021

    Rimborso benzina: a chi spetta?

    Spetta ai dipendenti che per motivi lavorativi sono costretti ad uno spostamento da un luogo ad una sede diversa dalla solita, oppure per un viaggio di lavoro a più lungo raggio. 

    È un’indennità che può essere richiesta dal lavoratore dipendente dell’azienda ma anche dai soci, dai collaboratori, consulenti esterni della stessa. 

    Nel caso in cui venga utilizzata un’auto di proprietà dell’azienda, i costi verranno gestiti dalla compagnia in primis ma se il lavoratore utilizza invece la propria auto, a quel punto ha diritto a richiedere il rimborso del viaggio e della benzina. 

    Rimborso benzina: come viene calcolato?

    Per richiedere correttamente il rimborso benzina, il lavoratore o collaboratore che sia, durante il viaggio deve tenere traccia di tutte le spese effettuate e raccogliere la relativa documentazione composta da fatture e scontrini. Questo tipo di raccolta dei documenti è molto simile alla tipologia di rimborso definita “a piè di lista”. 

    Una volta effettuati i controlli sugli scontrini forniti dal lavoratore, l’azienda emetterà un rimborso, riconosciuto all’interno della busta paga, a favore del dipendente che ha anticipato i costi del viaggio. 

    Per determinare l’importo esatto del rimborso, oltre ai giustificativi presentati all’azienda, si tengono anche conto di alcuni fattori

    • il tipo di carburante utilizzato
    • i chilometri percorsi durante lo spostamento 
    • la tassazione delle spese 
    • il tipo di veicolo impiegato per il viaggio 
    • la proprietà del veicolo 
    • il comune nel quale è stato effettuato lo spostamento

    Esistono inoltre le spese proporzionali e quelle definite come non proporzionali

    Tra le prime troviamo, infatti, le spese sostenute per il carburante, l’usura delle gomme e del veicolo stesso. Sono definite proporzionali perché aumentano in base alla distanza percorsa durante il viaggio. 

    Quelle non proporzionali, invece, riguardano le spese sostenute periodicamente e che non hanno un costo fisso. A queste appartengono il pagamento del pedaggio autostradale, del ticket per il parcheggio.

    Attenzione però, perché i rimborsi benzina sono soggetti a tassazione in alcuni casi. L’elemento fondamentale per capire se la tassa sia da applicare o meno è il comune verso il quale ci si sposta. 

    Se la trasferta avviene nello stesso comune, i rimborsi sono soggetti a tassazione e non sono deducibili. Se invece ci si muove al di fuori del comune, il rimborso è esente da tassazione e deducibile.

    Sempre in materia di deducibilità bisogna osservare la potenza dei veicolo. La Legge, infatti, prevede un limite per il veicolo utilizzato durante lo spostamento. Per  i veicoli a benzina il limite è fissato a 17 cavalli mentre per quello a gasolio si aumenta a 20 cavalli.  

    rimborso benzina

    Tabelle ACI 2021: calcolare il rimborso benzina corretto

    Calcolare il giusto importo per il rimborso benzina non è cosa facile per un’azienda. In suo aiuto, per il corretto calcolo dell’indennità di rimborso da erogare al dipendente, arrivano le tabelle ACI. I dati di queste tabelle sono aggiornati un paio di volte all’anno e vengono calcolati direttamente dall’ACI stesso che tiene conto della tipologia dei veicoli in commercio, delle tariffe aggiornate per il rifornimento di carburante e comunicate dal Ministero dello Sviluppo Economico. 

    La novità del 2021 è che nelle tabelle aggiornate vengono divise le auto elettriche da quelle ibride, portando le tabelle da 9 a 11.IT-CTA-solicita-demo

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità