<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Mobilità aziendale: cos’è e come funziona il PSCL?

    viaggio di lavoro timer 3 min.
    Alessandra Belotti
    SCARICA L'EBOOK: Come prepararsi per la prossima generazione dei viaggi di  lavoro

    Da alcuni anni a questa parte il concetto di mobilità aziendale è entrato sempre più di frequente nei piani di gestione delle imprese. L'introduzione dell'obbligatorietà del mobility manager nelle aziende superiori ad una certa dimensione ha incentivato la creazione e lo sviluppo della mobilità aziendale. Ma cosa intendiamo con questo concetto?

    Nuevo llamado a la acción

    La mobilità aziendale: gestire gli spostamenti

    Per mobilità aziendale si intende un piano dell'impresa volto a gestire gli spostamenti dei lavoratori sia nei tragitti casa lavoro sia per quanto riguarda le necessità di movimento durante gli orari di lavoro.

    Il tema della mobilità aziendale si è bene presto legato alla sostenibilità degli spostamenti; infatti il Decreto Interministeriale n. 179 del 12 maggio 2021, che ha stabilito le modalità di attuazione della legge n.77 17 luglio 2020, è espressamente “finalizzato a consentire la riduzione strutturale e permanente dell’impatto ambientale derivante dal traffico veicolare privato nelle aree urbane e metropolitane”.

    La necessità di riduzione degli spostamenti, e di conseguenza del traffico soprattutto nelle aree urbane, si traduce per le imprese nel bisogno di individuare tutti gli interventi che possano ridurre l'utilizzo dei mezzi privati da parte dei dipendenti e allo stesso tempo, ottimizzare gli spostamenti per consentire una gestione più oculata dei percorsi casa lavoro.

    Mobilità aziendale e mobility manager

    Da quanto detto si può capire come l'organizzazione degli spostamenti e la loro analisi preventiva possa diventare un aspetto complesso per le aziende; per questo motivo il decreto ha introdotto l'obbligo di individuare un mobility manager per tutte le imprese con più di cento dipendenti.

    Oltre ai dipendenti, i requisiti che rendono obbligatoria questa figura sono anche l’ubicazione dell’attività produttiva in un comune capoluogo di provincia o di regione con più di 50.000 abitanti.

    Tuttavia questo non significa che le aziende che non rientrano in questo obbligo non possano trarre un vantaggio dall’organizzazione della mobilità aziendale.

    Per le imprese sottoposte all'obbligo è previsto che entro la fine di ogni anno venga individuato un piano degli spostamenti casa lavoro (PSCL).

    mobilita aziendale

    Cos’è il PSCL e come funziona?

    Il piano degli spostamenti casa lavoro è un documento che si compone di diversi argomenti. In primo luogo deve essere realizzata un'analisi degli spostamenti necessari per il tragitto casa lavoro di tutti i dipendenti.

    In secondo luogo deve essere individuato un piano che preveda le misure da introdurre per il miglioramento degli spostamenti con esplicito riferimento ai benefici derivanti dall'adozione del piano di mobilità aziendale.

    Il piano dovrà tradursi in un programma che consenta l'applicazione e la realizzazione di quanto previsto. Infine il documento PSCL dovrà prevedere degli strumenti per il controllo e il monitoraggio dell'attuazione del piano, in modo da intervenire con eventuali correttivi volti al raggiungimento dell'obiettivo stabilito.

    Può essere utile sottolineare come il lavoro del mobility manager in questo senso debba necessariamente tenere conto anche degli spostamenti maggiormente legati all’azienda, come quelli della flotta aziendale, soprattutto se affidata in uso promiscuo a dipendenti e collaboratori.

    In quest'ottica si comprende facilmente come l’attuazione di un efficace piano di mobilità aziendale possa avere diversi riscontri diretti nei confronti dei collaboratori prima e della gestione complessiva aziendale poi.

    La presenza di un piano volto a migliorare la sostenibilità degli spostamenti potrebbe avere un impatto positivo sulla soddisfazione dei dipendenti in merito alle scelte aziendali e costituire inoltre un effettivo beneficio per quanto riguarda l'ottimizzazione degli spostamenti stessi.

    Dal punto di vista dell'azienda invece, una gestione ancora più oculata di tutto ciò che concerne gli spostamenti che comportino un costo anche per l’azienda, significherà necessariamente un maggior controllo dei costi e quindi un’ottimizzazione degli stessi.

    Come gestire la mobilità aziendale

    Quanto detto nei paragrafi precedenti fa dedurre chiaramente quanto l'introduzione di un piano di mobilità aziendale necessiti di strumenti che possono consentire una conoscenza approfondita prima è una gestione oculata poi.

    Da questo punto di vista i software relativi alla gestione dei viaggi e all'analisi di tutto ciò che riguarda viaggi e spostamenti aziendali si rivelerà fondamentale per consentire al mobility manager di avere uno strumento di facile utilizzo anche per l’integrazione con le altre risorse aziendali.

    IT-CTA-solicita-demo

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità