<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    La nuova era delle risorse umane post Covid

    processi aziendali timer 3 min.
    Captio
    SCARICA L'EBOOK: Agilità nella gestione delle spese 

    Il Covid-19 ha segnato un prima e un dopo a tutti i livelli. Nell’ambiente lavorativo è stato necessario apportare delle modifiche in tutte le aree, in particolare questo è notato maggiormente nel dipartimento delle Risorse Umane. Nell’articolo precedente già abbiamo dato un accenno alle tendenze concernenti le Risorse Umane. Oggi parleremo delle novità.

    Come affronteranno i responsabili delle risorse umane questa nuova era post-Covid? La risposta a questa domanda non è facile, né breve. Dopo aver letto interviste a dirigenti di grandi aziende, notizie, post di blog e dibattiti sui social network, la conclusione è chiara: deve esserci una trasformazione digitale delle Risorse Umane, deve essere rafforzato il lavoro a distanza e le competenze dei lavoratori dovranno adattarsi alla nuova situazione.

    New Call-to-action

    Se la gestione delle risorse umane nell'era digitale aveva già portato cambiamenti significativi, ora è il momento di cambiare nuovamente rotta. Potrebbe non essere quello che le aziende si aspettavano quando hanno progettato le loro strategie per il 2020 all'inizio dell'anno, tuttavia è ciò che il contesto attuale richiede.

    Di tutte le informazioni che hanno inondato la rete nelle ultime settimane, una delle più complete è quella fornita dalla società di consulenza spagnola Watch & Act. Questa azienda, specializzata in processi di trasformazione e tecnologia applicata alla gestione delle risorse umane, parla di:

    •       innovare
    •       dare valore al talento per avere il team giusto
    •       modificare nuovamente i processi di lavoro
    •       Investire di più nella formazione
    •       Incorporare le tendenze del mercato
    • ottenere l'impegno di tutte le parti

    Risorse umane: novità e tendenze

    Formazione

    Come è possibile realizzare queste misure lavorative post Covid-19? Innanzitutto, bisogna conoscere le capacità e i punti di forza di ciascuno dei lavoratori per realizzare il loro adattamento a questa nuova realtà lavorativa. A questo punto, dobbiamo menzionare due termini di cui si è parlato molto ultimamente:

    1. Reskilling: ovvero investire nella formazione del personale affinché possa essere riallocato, soprattutto sotto l'aspetto tecnologico. Durante il lockdown, si è visto che alcune aziende avevano avuto difficoltà con il telelavoro perché non disponevano degli strumenti necessari.
    2. Upskilling: più competenze acquisiscono i dipendenti, più possono portare contributo alle loro aziende. Alcune organizzazioni stanno scommettendo sull’e-learning, apprendimento on demand.

    Riorganizzazione

    Digitalizzazione e automazione. Questi due termini riassumono le strategie sulle quali i dipartimenti delle Risorse Umane dovrebbero iniziare a puntare se vogliono adattare i loro processi organizzativi alla nuova realtà. Si tratta di essere agili ed efficienti per non essere lasciati indietro. Pertanto, potrebbe essere necessario implementare nuovi strumenti digitali.

    gestione risorse umane

    Impegno

    Non è la prima volta che parliamo di questa tendenza nelle risorse umane, ma è importante sottolineare ancora una volta l'importanza di rendere i dipendenti così impegnati nell'azienda oggi da non voler andare via.

    Uno stipendio dignitoso aiuta, ma ci sono altre misure che costano poco e che per i lavoratori significano molto: un buon ambiente di lavoro, una comunicazione fluida e trasparente, il sentirsi valorizzati e la possibilità di rendere più flessibile la giornata lavorativa sono alcune delle più importanti azioni valutate.

    Quest'ultima opzione infatti non è più così difficile da ottenere, perché come abbiamo visto nei diversi articoli che abbiamo dedicato al telelavoro per le aziende dopo la pandemia, i manager hanno capito i vantaggi che questa formula davvero comporta.

    Analisi dei dati

    A seguito della pandemia, la richiesta di alcuni professionisti è aumentata, e tra questi spiccano gli analisti dei dati.

    Oltre ai nuovi profili che emergono, c'è anche una tendenza allo scambio di posizioni all'interno della forza lavoro. Hai mai sentito parlare della Gyg-economy? In sostanza, si tratta di svolgere un lavoro sporadico e a breve termine all'interno di un progetto, all'interno della tua azienda o in un'azienda che ti assume con contratti occasionali.

    IT-CTA-solicita-demo

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità