<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Blog

New Call-to-action

La mappa dei processi aziendali, una bussola per la crescita

Pubblicato da Captio su 20/03/2018

 

La struttura tradizionale delle aziende è quella “funzionale”, nella quale gli impiegati che svolgono la medesima funzione vengono raggruppati nello stesso reparto (Vendite, Marketing, Amministrazione...). Secondo questa impostazione ciascun reparto mira ad essere il più efficiente possibile, perseguendo i propri obiettivi e puntando all’efficacia della singola funzione. Ma al cliente interessa una cosa sola: il risultato finale, non il modo in cui funzionano i singoli reparti.

Scarica l'ebook: La gestione delle spese di viaggio aziendali

Ecco perché, per realizzare piani di miglioramento, ottimizzare le spese e sfruttare al meglio le risorse, un’azienda dovrebbe puntare non tanto a un’organizzazione per funzioni quanto a un’organizzazione per processi: è l’unico modo per pensare al bene complessivo.

La gestione per processi richiede analisi, studio e pianificazione approfonditi. A tal fine, è importante elaborare una mappa dei processi: uno schema o diagramma che presenti una visione globale della struttura dell’azienda, comprensiva di ogni processo e delle loro relazioni.

Definire con precisione i vari processi e sottoprocessi e i loro legami è fondamentale per avere un quadro chiaro sull’attività dell’azienda, sulle risorse impiegate, e sulle dinamiche messe in atto. Una volta appresi questi elementi, capire come ottimizzare i processi e rendere l’azienda più produttiva diventa molto più semplice.

La prima macro-distinzione da attuare è quella in:

  • processi strategici: la definizione degli obiettivi dell’organizzazione, la misurazione dei risultati, l’elaborazione di strategie, la gestione del personale… Tutti questi sono processi strategici, spesso coordinati dai vertici dell’azienda e che servono a definire la direzione generale verso cui andare.
  • processi operativi: quelli che riguardano la creazione dei prodotti o dei servizi, come il processo di progettazione, il processo produttivo e il processo commerciale.
  • processi di supporto: sono tutti quei processi che supportano i processi operativi in modo da renderli più efficienti, come la gestione del sistema informativo, la formazione delle risorse umane, la manutenzione...

Dopo aver definito questi macro-processi si identificano i processi più "piccoli". Facciamo l’esempio di un’azienda che distribuisce bibite rinfrescanti. I micro-processi che verranno definiti possono essere:

Identificare ed elaborare la mappa dei processi dell'azienda 1

Mappa dei processi

Una volta che si identificano tutti i processi dell’impresa, il passo successivo è elaborare la mappa dei processi. La mappa può essere considerata come una "grande ragnatela" di processi uniti tra di loro, rappresentati graficamente.

Per elaborare la mappa dei processi si devono conoscere tutte le connessioni possibili, oltre alle risorse (input) necessarie per la realizzazione del prodotto finale (output).

Identificare ed elaborare la mappa dei processi dell'azienda 2

Le mappe dei processi non sono sempre uguali: devono adattarsi alla struttura della singola azienda. L’importante, affinché la mappa dei processi sia efficiente e raggiunga il suo scopo, è che:

  • le informazioni siano chiare e concise;
  • vengano indicati tutti i processi;
  • i collegamenti tra processi siano espressi con linearità ed esattezza;
  • siano individuati con precisione i gruppi di attività cui appartengono i processi (mentre non è necessario descrivere nel dettaglio il singolo processo).

Con queste caratteristiche, la mappa dei processi può diventare un insostituibile strumento di organizzazione, di ottimizzazione e di crescita.

Demo2

Categoria: Processi di gestione basati