<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Indennità di trasferta, rimborso a piè di lista e rimborso ibrido

    Belen Giné
    Come gestire in modo efficiente le spese di viaggio
    Scarica l'ebook La gestione delle spese di viaggio aziendali


    Non esiste un solo tipo di rimborso spese. In realtà, quando si tratta di trasferte, esistono almeno tre categorie di rimborso: l’indennità di trasferta giornaliera, il rimborso spese a piè di lista e il rimborso misto.
    Vediamo insieme le loro caratteristiche principali.

    Scarica l'ebook La gestione delle spese di viaggio aziendaliLe diverse tipologie di rimborso spese

    L’indennità di trasferta giornaliera (o diaria) è un’indennità riconosciuta al lavoratore che viene inviato dall’azienda a svolgere le sue mansioni in un luogo diverso dalla sede di lavoro abituale. Il rimborso di questo tipo di indennità è forfettario: la società mette a disposizione una cifra prestabilita che deve essere gestita in autonomia dal dipendente.

    Questo tipo di rimborso si distingue da quello a piè di lista perché, in questo secondo caso, il lavoratore, per ottenere il rimborso, alla fine della trasferta deve preparare una nota spese nella quale indica e documenta le spese sostenute, fornendo tutti i giustificativi necessari per il rimborso.

    Alcune aziende, infine, adottano il modello misto, ovvero una formula ibrida tra indennità di trasferta giornaliera e rimborso a piè di lista.

    Tipi di indennità giornaliera delle aziende

    Rimborso spese forfettario (indennità di trasferta giornaliera)

    Il rimborso spese forfettario prevede che l’azienda paghi una somma prestabilita al dipendente, indipendentemente da quello che fa. Le indennità di trasferta sono calcolate in base al CCNL.

    Con questa modalità di rimborso il dipendente non deve compilare nessuna nota spese perché non è tenuto a fornire alcun giustificativo.

     

    Nel caso in cui si scelga questa tipologia di rimborso, non è necessario conservare nessuno giustificativo di spesa. L'unica accortezza, ai fini dell'esenzione da tassazione, è conservare i documenti relativi alle spese di viaggio e trasporto (anche rimborso chilometrico) corrisposti oltre l'indennità forfettaria. 

    Il rimborso spese a piè di lista

    Il rimborso a piè di lista riguarda principalmente queste voci:

    • vitto e alloggio.

    • viaggio e trasporto: rimborso delle spese sostenute per l’uso della propria auto (rimborso chilometrico, pedaggi, etc) o di quella noleggiata, oppure acquisto di biglietti aerei e/o ferroviari.

    • altro: il lavoratore può presentare documentazione inerente ad altre tipologie di spesa sostenute durante la trasferta.

    L’importante è che il dipendente segua la politica delle spese di viaggio e si attenga a indicare solo le spese a carico dell’azienda.

     

    Rimborso spese misto

    Questa terza categoria, come dicevamo prima, è un misto delle due precedenti. Viene attuata, ad esempio, quando si coprono alcune voci con la modalità a piè di lista (vitto e alloggio) e le altre in modo forfettario.

    Qualsiasi forma di rimborso si scelga è fondamentale disporre di dati precisi, chiari e di facile consultazione: è l’unico modo per ottimizzare i processi e contenere i costi.

     Nuevo llamado a la acción

     

     

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità