<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Blog

 Il manuale del controllo finanziario - Captio

I principali scopi del controllo finanziario

Pubblicato da Captio su 19/06/2018

Per un’azienda, il controllo finanziario è vitale. Questo processo analizza in profondità l’intero sistema produttivo e commerciale dell’azienda, in modo da individuare i centri di costo e di profitto e stabilire se gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti: uno strumento prezioso per fotografare la situazione attuale dell’azienda e capire se si sta procedendo nella direzione giusta.

Scarica l'ebook: Il manuale del controllo finanziario 

 

Ma quali sono gli scopi del controllo finanziario?

Gli obiettivi del controllo finanziario

Il primo, essenziale obiettivo del controllo finanziario è quello di individuare i problemi di natura economica all’interno dell’azienda. Questo processo mira a identificare errori, scostamenti e alterazioni che impediscono il raggiungimento degli obiettivi generali dell’azienda, il conseguimento di una buona performance economica e, in alcuni casi, anche la sopravvivenza stessa dell’impresa. Una volta individuati questi problemi si procede alla loro correzione.

In alcuni casi, tuttavia, il controllo finanziario serve semplicemente a verificare che tutto stia procedendo nel modo giusto e che si stanno rispettando, senza modifiche sostanziali, le linee aziendali.

A seguito dell’analisi viene creato un report, per avere tutti i risultati raccolti ben ordinati e immediatamente disponibili per la consultazione. L’efficacia del report può essere ottimizzata procedendo con l’analisi dei fattori critici di successo.

I principali scopi del controllo finanziario

 

I report tradizionali prendono in considerazione solo quei parametri economici da cui dipende la redditività nel breve periodo. Un’analisi dei fattori critici di successo, invece, esamina le variabili che possono rendere l’azienda competitiva sul lungo periodo: controllare questi aspetti può permettere all’impresa di ottenere delle buone prestazioni. Questi fattori sono misurati tramite gli indicatori chiave di performance (Key Performance Indicator, o KPI), il cui fine fondamentale è quello di segnalare al management come si stanno comportando i diversi centri di responsabilità.

Con il controllo finanziario è possibile gestire meglio i costi aziendali, individuando subito le situazioni negative in modo da poter elaborare una soluzione rapida. Il vantaggio è duplice: il controllo finanziario, da un lato, permette di contenere i costi e risparmiare, dall’altro aiuta ad avere una situazione chiara sui costi e i profitti di ogni area dell’azienda e ottimizzare la gestione delle risorse economiche.

In questo modo è possibile ridurre gli investimenti di un settore per potenziare altre aree, gettando così le basi per una solida crescita aziendale.


 Captio  Il manuale del controllo finanziario


 

Categoria: Controllo finanziario