<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Le 4 fasi del controllo finanziario

    Controllo finanziario timer 2 min.
    Captio
    New Call-to-action

    Fissare gli obiettivi, controllare di averli raggiunti, correggere gli errori. Tutte le aziende che vogliono migliorare e crescere devono implementare questi processi in ogni ambito, anche (anzi, soprattutto) in quello economico. Il controllo finanziario serve proprio a questo.

    Scarica l'ebook Il manuale del controllo finanziario

    Il controllo dei costi aziendali si divide in quattro fasi:

    • Analisi della situazione iniziale

    • Elaborazione di previsioni e simulazioni

    • Rilevamento delle deviazioni

    • Correzione delle deviazioni in negativo

    Queste fasi si svolgono nell’arco di un periodo piuttosto lungo, che di solito coincide con l'anno fiscale. Analizziamole nel dettaglio.

    Le 4 fasi del controllo finanziario

    Le fasi del controllo finanziario

     

    Fase 1. Analisi della situazione iniziale

    Il primo passo consiste nell'eseguire un'analisi esaustiva e dettagliata della situazione aziendale in diversi settori.

     

    Fase 2. Elaborazione di previsioni e simulazioni

    Sulla base della situazione iniziale precedentemente analizzata e dell'istituzione di una serie di parametri o indicatori, è possibile fare previsioni e simulazioni di diversi e possibili scenari, fissando degli obiettivi.

    Nel processo decisionale, queste azioni di simulazione sono di grande aiuto: permettono di fare le scelte giuste riguardo ad aspetti cruciali come investimenti, redditività e cambiamenti dei sistemi di produzione.

     

    Fase 3. Rilevamento delle deviazioni

    La fase successiva consiste nella raccolta e nell’analisi dei dati per confrontare le previsioni (obiettivi) e i risultati realmente ottenuti. Può succedere che i risultati siano adeguati agli obiettivi prefissati o che si producano delle deviazioni, sia in positivo che in negativo.

    Una deviazione in positivo significa che i risultati sono migliori delle aspettative. In questo caso gli obiettivi possono essere riprogrammati in modo più ambizioso. Se, invece, le deviazioni sono in negativo, sarà necessario avviare delle azioni correttive.

    In questa fase è molto importante capire il perché si sono verificate delle deviazioni in negativo. È per via di una cattiva esecuzione di una o più attività aziendali? Oppure perché gli obiettivi prefissati erano fuori dalla portata dell’azienda, irraggiungibili con i mezzi a disposizione?

     

    Fase 4. Correzione delle deviazioni in negativo

    Individuare gli errori è il primo passo. Poi bisogna capire dove si è sbagliato, correggere gli errori ed evitare che si ripetano in futuro. È questa la vera finalità del controllo finanziario. Dopo aver individuato con esattezza la causa del problema è necessario mettere in pratica le misure correttive adeguate. Possono essere piccoli cambiamenti in un’area specifica dell’azienda, oppure trasformazioni più radicali nei processi di produzione, pianificazione, organizzazione e direzione. Implementare i miglioramenti aiuterà l’azienda a crescere.

    New Call-to-action

    Potrebbe interessarti...

    Controllo finanziario

    Etapas del control financiero

    Sandra Teruel timer 2 min.
    Controllo finanziario

    El controller financiero hoy

    Belen Giné timer 2 min.
    Plantilla del control financiero.jpg
    Controllo finanziario

    Plantilla: las 4 fases del control financiero

    Aitor Laskurain timer 2 min.

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità