<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

    Benefit aziendali: ecco quelli che funzionano davvero

    benefit aziendali timer 3 min.
    Myriam Zanatta
    get_app  Scarica l'infografica Gestione delle spese aziendali e tabella  comparativa. Tradizionale vs digitale

    Se i dipendenti stanno bene, l’azienda sta bene. È il principio che sta alla base del welfare aziendale, un concetto che sta diventando sempre più importante anche nelle aziende del nostro paese.

    Ma quando i benefit aziendali funzionano davvero? In questa guida spiegheremo in primo luogo che cosa si intenda per benefit aziendali

    In seguito scopriremo quali siano i preferiti; concluderemo con il trattamento fiscale dei benefit aziendali.

    Iniziamo da definire che cosa si intenda con questi termini. 

    Agilità nella gestione delle spese

    Benefit aziendali: significato, tipologie e obiettivi

    Un benefit aziendale è un bene, un servizio o un’agevolazione che viene concesso ai dipendenti dall’azienda o dal datore di lavoro.

    Secondo l’articolo del codice civile che norma le retribuzioni (Codice Civile - articolo 2099 R.D. 16 marzo 1942, n. 262, aggiornato al 01/12/2021), un lavoratore può essere retribuito anche attraverso l’erogazione di beni e servizi: pertanto un benefit aziendale è a tutti gli effetti una forma di retribuzione che può integrare il denaro previsto dalla busta paga. 

    Le tipologie di benefit aziendali sono molteplici e possono spaziare dai buoni pasto allo smartphone, passando per i buoni benzina ai dipendenti o la fornitura di prodotti aziendali a prezzi scontati o gratuitamente.

    Il loro obiettivo è duplice:

    • Da un lato, aumentare il benessere del dipendente e, di conseguenza, aumentare la produttività e la sua dedizione all’azienda
    • Dall’altro, è un modo per l’azienda di retribuire i collaboratori, migliorandone la possibilità di spesa ad un costo inferiore rispetto a quello che comporterebbe un incremento di stipendio o una retribuzione totale in denaro

    I benefit aziendali non sono rivolti soltanto ai dipendenti, ma possono essere destinati anche anche ai clienti o ad altre persone che intrattengono rapporti con l’azienda. In questo caso si parla tuttavia di spese di rappresentanza, in quanto la persona coinvolta non è direttamente collegata all’azienda. 

    Benefit aziendali, quali sono i più graditi?

    Ecco un elenco dei benefit aziendali più utilizzati ed apprezzati:

    • Buono carburante
    • Buono acquisto
    • Smartphone - tablet - PC
    • Assicurazione sanitaria integrativa
    • Auto aziendale
    • Bevande/cibo gratuito
    • Eventi aziendali
    • Altri benefit

    Uno tra i benefit aziendali più graditi è sicuramente il buono carburante.I cosiddetti buoni benzina ai dipendenti consentono in realtà di acquistare non solo benzina, ma più in generale tutti i carburanti. A seconda della tipologia di buono, sarà possibile usufruirne presso i distributori convenzionati o in qualunque stazione di servizio.

    Tratteremo ulteriormente di questo benefit aziendale nel paragrafo successivo. 

    Nella categoria “altri benefit” possono rientrare tutti quei servizi messi a disposizione dall’azienda ai dipendenti, come la palestra aziendale, gli spazi ricreativi o le convenzioni con altre aziende per beni o servizi. 

    Concludiamo con due esempi di gestione dei buoni aziendali dal punto di vista dell’azienda.

    benefit aziendali

    Il trattamento fiscale dei benefit aziendali

    Il trattamento fiscale dei benefit aziendali varia a seconda del destinatario.

    • Buono carburante come benefit ai dipendenti: l’azienda può portare in detrazione dall’IRES il 100% del costo sostenuto per i buoni carburante fino ad un importo massimo di 258,23 euro per ogni periodo fiscale. Tuttavia in alcuni casi la soglia è stata raddoppiata con specifici decreti.
    • Buono carburante come omaggio per i clienti: è possibile dedurre il costo del buono benzina al 100% in caso di importi fino a 50 euro, mentre importi maggiori devono essere contabilizzati come spese di rappresentanza.

    Per facilitare la gestione dei benefit aziendali l’azienda può ricorrere all’uso di software e app che permettono la gestione di questo tipo di spese.

    IT-CTA-solicita-demo

    Iscriviti al nostro blog per non perdere le ultime novità