<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=133206463822786&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Blog

New Call-to-action

A cosa serve un progetto di Business Intelligence (BI)?

Pubblicato da Captio su 26/03/2018

I dati sono la linfa vitale di un’azienda. Sono la base per definire strategie e metodologie e il traguardo verso cui devono puntare tutti i processi. Ma devono essere usati nel modo giusto.

Chi deve prendere decisioni strategiche e operative deve fare le proprie scelte sulla base di informazioni adeguate, precise e rilevanti. Ed è proprio a questo che serve la Business Intelligence: ad analizzare e raccogliere i dati per facilitare il processo decisionale all’interno dell’azienda.

I progetti di Business Intelligence possono assumere tante forme, ma seguono lo stesso schema. Qui di seguito riassumiamo le fasi principali: se si desidera approfondire l’argomento, si consiglia di consultare questo articolo.

 

A cosa serve un progetto di Business Intelligence (BI)?

 

Tappa 1. Definizione delle esigenze

La prima fase prevede un’analisi della situazione attuale per determinare quali sono le esigenze dell’azienda. Sulla base di queste, si passa poi a definire gli obiettivi che si desidera raggiungere. L’azienda ha bisogno di correggere gli errori nel processo? O ha più bisogno di sviluppare nuove idee? Maggiore sarà la precisione con cui si delineano questi obiettivi, migliore sarà il risultato. Perché se si ha un’idea chiara di ciò che si desidera raggiungere, si capisce anche quali sono i dati di cui si ha bisogno e quali le azioni concrete che bisogna intraprendere.

A cosa serve un progetto di Business Intelligence (BI)?

Tappa 2. Pianificazione

Chiarito il traguardo da raggiungere, si passa poi alla definizione dei gruppi di lavoro che si occuperanno della realizzazione del progetto e degli strumenti necessari per l’implementazione. Questi possono essere di due tipi: tecnici (hardware, software, sistemi operativi…) e non tecnici (metodologie, linee guida, processi di controllo, processi di gestione dei problemi e procedure di risoluzione dei conflitti). A seguire, si pianificano nel dettaglio le fasi di implementazione del progetto, da monitorare costantemente attraverso la creazione di report, dashboard, diagrammi di flusso e infografiche. Questo punto è estremamente importante. Se questi strumenti di reportistica sono in grado di presentare i dati in modo chiaro e intuitivo (magari anche con l’aiuto di esperti di grafica), saranno di grande aiuto per i professionisti per prendere decisioni migliori.

Tappa 3. Esecuzione

Dopo queste fasi di analisi e di pianificazione si passa alla fase di esecuzione. È questo il momento in cui si stabilisce se il processo è efficace o meno. Per capirlo è molto semplice: se i dati e le informazioni sono state analizzate e processate correttamente, i professionisti dell’azienda con potere decisionale saranno facilitati nel loro incarico.

Demo2

Categoria: Inteligencia empresarial